Yet Another Techno Blog

E che palle, sinceramente non se ne può più di tutti questi pecoroni che postano argomenti profondi: “come ho cagato stamattina”, “mi sento poco considerato”, “ho dei problemi con la mia ragazza”…

Sono uno di quelli che sperano nella scomparsa di Bruno Vespa, Maria De Filippi e altre ignominie dalla TV. Per questo ho smesso di guardarla e passo su internet il tempo che risparmio.

Su Internet s’aggira uno strano demone, Linux qui, Linux lì, Linux purifica la tua anima. Dopo un aggiornamento automatico e un riavvio non richiesto e mal sopportato del sistema Windows mi sono deciso a compiere il salto.

Looka: “Piacere, Linux, il mio nick è Looka. Puoi per favore installarti sul mio pc e portarlo a nuova vita?”
Linux: “Scarica uno dei miei tanti gusti!”
Looka: (che pervertito di pinguno) “Non posso scaricare solo te?”
Linux: (che utOnto) “Io sono solo il kernel, devi scaricare una distribuzione. Debian, Red Hat, Suse, Mandrake…”
Looka: “Capisco” (un cazzo) “Tu che consigli, potente Pinguino?”
Linux: “Se è la purezza che cerchi, o immenso imbecille, Slackware be yer way!”
Looka: “HOORAY!”

(2 giorni dopo)

Looka: «O venerabile Yoda, poca è la Forza che posseggo»
Yoda: «Hai visto la potenza del Lato Oscuro, giovane Skywalker. Devi imparare a padroneggiare la Forza a piccoli passi. Obi-Wan consiglia SUSE»
Looka: (‘fanculo, formattare e reinstallare)

(1 mese dopo)

Looka: «Obi-Wan, mio prezioso Maestro, YAST mi ha Rotto Proprio Male gli zebedei!»
Obi-Wan: «Da poco è uscito Ubuntu.»
Looka: «Maestro, ma che nome del cazzo. Mi fa pensare a Mace Windu che lucida la sua luunga spada laser»
Obi-Wan: «Mi raccomando stai attento alle saponette per terra, sono una trappola»
Looka: (ma perché non me ne sono stato a raccogliere patate?)

(1 anno ½ dopo)

Looka: «Maestro, mi avete insegnato l’arte del combattimento Warty, la sofferenza dell’aggiornamento a Hoary, la mossa detta “scrivania rotante” Breezy. Ho appena scoperto l’orgia di bug carnivori di Feisty che per poco non si sono mangiati la mia spada laser. Sono pronto»
Mace: «Attento, giovane Skywalker. La tua ambizione ti rovinerà. Fermati qui com’è giusto che sia»
Looka: «Ma, Maestro–»
Mace: «Oops! Mi è caduta la saponetta!»

Looka fugge in preda al panico e incontra il sen. Palpatine. O meglio, gli finisce dentro.

Palpatine: «Odovecazzovai, giovane Jedi? A momenti mi rovescio il gelato addosso!»
Looka: «Perdonatemi… Gelato?»
Palpatine: «Dopo una dura lotta contro la Federazione dei Commercianti siamo riusciti a farci installare una gelateria nella buvette del Senato Intergalattico. Ma tu dove corri?»
Looka: «Ubuntu Gutsy. Sound Blaster Audigy2. Nvidia GeForce FX5500. Questi i problemi che mi tormentano. Non riesco a comprendere il futuro.»
Palpatine: «Devi intraprendere il cammino nel Lato Oscuro, mio giovane Jedi.»

Dopo l’incontro con il Senatore Palpatine e un magnifico gelato gianduja alla buvette del Senato, Looka si dedicò ad apprendere i rudimenti del Lato Oscuro.

Decalogo.

1· Non puoi passare al Lato Oscuro senza installare Slackware su un Pentium. Senza nulla dopo Pentium, e solo con floppy.
2· Non puoi passare al Lato Oscuro senza aver fatto saltare l’alimentatore del Pentium 3 giorni dopo aver installato Slackware.
3· Non puoi passare al Lato Oscuro senza sfruttare il vecchio case che ti è rimasto per fare un modding estremo.
4· Non puoi passare al Lato Oscuro senza installare un server LAMP funzionante con Debian Etch.
5· Non puoi passare al Lato Oscuro senza iscriverti a dyndns.com e urlare a tutti il tuo grido di battaglia sevencapitalsins.dyndns.org!
6· Non puoi passare al Lato Oscuro senza spegnere il server perché preoccupato dalla bolletta Enel e mandare al diavolo quelli che si lamentano perché non riescono a vedere il sito
7· Non puoi passare al Lato Oscuro senza chiedere per la tesi “qualcosa che c’entri con Linux” e farti assegnare la costruzione di Ethernet/IP sotto Linux, e valutare quali parametri del kernel consentano di stabilirne a priori l’affidabilità in campo real-time. Insomma, fare una cosa di cui potresti pentirtene.
8· Non puoi passare al Lato Oscuro senza disinstallare Windows dai tuoi 4 computer ed essere costretto a reinstallarlo almeno in uno causa vibranti proteste dei tuoi coinquilini
9· Non puoi passare al Lato Oscuro senza passare un giorno intero a far funzionare aMSN con antialiasing
10· Non puoi passare al Lato Oscuro senza patchare e ricompilare un kernel vanilla.

Questo blog nasce per celebrare il mio avvenuto passaggio al Lato Oscuro. Nel decalogo sono contenuti molti degli argomenti che intendo affrontare e spiegare ai giovani Jedi per traviarli, ed estendere il dominio dell’Impero. Con le buone o con le cattive, preferibilmente le cattive!

Trovarli.

Ghermirli.

E nel buio incatenarli.

Dovrò anche dedicare un po’ di tempo a modificare il CSS di questo blog, colori nero-rossi e iconografia sovietica per farmi dare del comunista gratuitamente.

Gratuitamente è una parola non riconosciuta da WordPress: dopo aver fatto un CSS tutto nuovo ho scoperto che bisogna pagare qualche sghello per renderlo visibile. Meglio modificare l’immagine dell’header che è l’unica cosa modificabile :)

Altri argomenti off-topic che potrei mettere: politica, birra, locali per la notte, stereotipi (amo gli stereotipi, ne faccio collezione).

Il prossimo articolo riguarderà molto probabilmente la ricompilazione del Kernel fatta su un Pentium4, scheda madre ASUS P4P800SE, scheda audio Audigy2, scheda video nVidia GeForce FX 5500, kernel vanilla 2.6.21 e patch Con Kolivas.

Non è stato proprio un cazzo facile, solo al terzo tentativo sono riuscito a entrare in KDE!

Poi tutti a dire “se funziona non ricompilare”… sì, ma per carità, lo sanno tutti i linuxari che se non compili il kernel non raggiungi il livello superiore di illuminazione e il fuoco sacro che brucia in te finirà per consumarti. IO VI ESORTO A RICOMPILARE! (senza imputtanare il pc, beninteso)

Il risultato principale: un kernel da 145MB è stato ridotto a soli 9MB. E io mi sento così soddisfatto che ho aperto un blog autocelebrativo.

Un amico da poco convertito a Linux ha commentato che ormai la CIA mi sta sorvegliando da mesi: queste sono soddisfazioni! Per favore siate gentili e salutate quel poveretto che ci sta leggendo. Hello mr. Smith! :)

Aggiungo anche un Ciao Gigi! Maledetto, è tutta colpa tua!

2 thoughts on “Yet Another Techno Blog

  1. Gizzo scrive:

    scusa, ma tu questo lo definiresti un blog techno???
    seconda cosa, ma il senatore Palpatine. non ti sembra un nome un po’ ambiguo? avrebbero lasciato che facesse l’insegnante?
    roba da chiamare il MOIGE subito, no?
    w il lato oscuro.
    quanto meno almeno finche non hai i soldi per un iBook :D

  2. sevencapitalsins scrive:

    techno non nell’aspetto perché ho appena scoperto che si paga per modificare il css :o) mi toccherà cambiare l’immagine lassù… Però in quanto a contenuto degli articoli non c’è dubbio :P

    Anche un iBook può essere smanettato, e magari la sfida è più avvincente!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: